Casa Editrice Nord - La leggenda degli albi

Narrativa fantastica

Narrativa fantastica

La leggenda degli albi

di Markus Heitz
La leggenda degli albi
titolo
La leggenda degli albi
ISBN
9788842916505
autore
Markus Heitz
traduttore
Zuppet R.
collana
Narrativa Nord
dettagli
450 pagine, libro rilegato
Il lato oscuro del fantasy
Per secoli, gli Uomini, gli Elfi e i Nani hanno prosperato nella Terra Nascosta, una regione circondata da una catena montuosa pressoché impenetrabile, le cui uniche vie d'accesso sono sbarrate da un potente incantesimo e difese da cinque stirpi di Nani. E, per secoli, i loro nemici, gli Albi, creature simili agli Elfi, ma d'indole malvagia e dagli occhi completamente neri, hanno atteso. Ma ora la loro pazienza sta per essere premiata. Gli Eterni, i sovrani degli Albi, hanno infatti scoperto che il Demone di Nebbia, un essere in grado di spezzare qualsiasi sortilegio, si è nascosto nella remota regione di nord-ovest, e hanno quindi deciso di inviare laggiù due guerrieri per convincerlo a combattere al loro fianco. Tuttavia i due Albi – Caphalor e Sinthoras – non potrebbero essere più diversi. Il primo, mite e idealista, è contrario alla guerra contro i Nani, perché lo terrebbe lontano dalla sua adorata famiglia; il secondo, temerario e borioso, vorrebbe invece iniziare al più presto una sanguinaria invasione, per ridurre in schiavitù tutti gli abitanti della Terra Nascosta. Se vorranno sopravvivere alla pericolosa missione, i due albi dovranno imparare a mettere da parte le loro divergenze e ad aiutarsi a vicenda, anche se la smodata ambizione di Sinthoras sta già prendendo forma in un piano inteso a volgere l'immenso potere del Demone a proprio vantaggio...

Le vostre recensioni

Scrivi recensione

  • Straordinariamente tetro, sadico e crudele, ci regala idee e tradizioni di un popolo egocentrico votato al dominio e allo sterminio...

tutte »

Le vostre recensioni per "La leggenda degli albi"

  • WOW

    Straordinariamente tetro, sadico e crudele, ci regala idee e tradizioni di un popolo egocentrico votato al dominio e allo sterminio delle altre razze. Un fantasy cupo che a tratti può urtare per la cattiveria proposta. Un'opera coraggiosa, che si spinge oltre i classici, fino a ribaltarne il concetto stesso. L'autore, inoltre, ha la capacità di non rendere antipatici del tutto i due protagonisti, li rende molto profondi, gli crea un passato e ci rende partecipi delle loro spietate motivazioni.