Casa Editrice Nord - Il calice della vita

Narrativa generale

Narrativa generale

Il calice della vita

di Glenn Cooper
Il calice della vita
Il nuovo romanzo di Glenn Cooper, un autore da 2 milioni di copie vendute in Italia
titolo
Il calice della vita
ISBN
9788842920014
autore
Glenn Cooper
collana
Narrativa Nord
dettagli
416 pagine, libro - cartonato con sovraccoperta
approfondisci
Vai al minisito
Il calice della vita - Guarda il booktrailer
«Appare sempre più evidente che il nuovo millennio ha un cuore macabro. Glenn Cooper lo ha intuito prima e meglio di tutti. E sa raccontarcelo.»
Antonio D’Orrico, La LetturaCorriere della Sera

«Uno degli scrittori più amati dai lettori italiani.»
la Repubblica

«Cooper non permette al lettore di distrarsi. E anche quando arriva alla parola fine, non fa nulla per sciogliere il dubbio che le sue profezie possano avere un solido e iettatorio fondamento.»
Ranieri Polese, Corriere della Sera


LEGGI L'ANTEPRIMA ESCLUSIVA DEL NUOVO ROMANZO!


Per secoli, regnanti e uomini di fede, eruditi e avventurieri lo hanno cercato. Invano. Nessuno ha scoperto dov’è custodito. E nessuno ha scoperto quale mistero nasconda. Fino a oggi.

Inghilterra, XV secolo. Non è la prigione a gettare Thomas Malory nel più nero sconforto. È la consapevolezza di avere fallito, proprio come tutti coloro che lo hanno preceduto. Ormai ha una sola ragione di vita: proteggere la chiave che dà accesso a un segreto antichissimo. E ha un solo modo per farlo: scrivere un’opera sulle gesta di re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda...
Inghilterra, oggi. Arthur Malory è sconvolto. Prima ha visto il suo migliore amico, Andrew, morire per mano di un assassino, poi è sfuggito per miracolo all'incendio che ha distrutto la sua casa. E tutto ha avuto inizio con una telefonata, quella in cui Andrew gli annunciava di avere novità sensazionali riguardo alla loro grande passione comune: il Graal. Da quel momento, Arthur è diventato il bersaglio di uomini senza scrupoli, determinati a completare una missione iniziata in Palestina, la notte in cui Gesù ha bevuto dal sacro calice, durante l’Ultima Cena. La sua unica possibilità di salvezza è trovare il Graal prima di loro. E, per riuscirci, dovrà rintracciare e seguire una catena d’indizi lasciata dal suo illustre antenato, Thomas Malory. Ma la sfida più grande che attende Arthur è la natura stessa del potere del Graal. Un potere che risale all’origine dell'universo, un potere che va oltre la Chiesa, oltre la morte di Cristo, oltre la vita...

Con questo romanzo ambizioso e audace, Glenn Cooper coinvolge il lettore in un’avventura sorprendente, al confine tra fede e scienza, confermandosi uno degli autori di maggior talento degli ultimi anni.


Leggi l'articolo speciale che Style Magazine ha dedicato a Glenn Cooper e scopri un brano inedito scritto da Cooper stesso, Vivere con un fantasma per amico.


Le vostre recensioni

Scrivi recensione

  • Per me è stato una piccola delusione, l'ho letto in un soffio, come tutti gli altri suoi libri, bello, scorrevole,...


  • volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con...


  • volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con...

tutte »

Le vostre recensioni per "Il calice della vita"

  • Finale deludente

    Per me è stato una piccola delusione, l'ho letto in un soffio, come tutti gli altri suoi libri, bello, scorrevole, avvincente e coinvolgente, ma mi ha lasciato .... come se mi avessero rubato la fetta di torta che stavo mangiando! L'acquolina in bocca e l'amarezza di non averla potuta finire.

  • il calice della vita

    volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con un vassoio di maiale affettato e PATATE al forno fredde"... come è possibile visto che il tubero fu importato dal sud america solo verso la meta del 1500, e che comparve in inghilterra, davanti alla regina ELISABETTA I nel 1580 ? grazie

  • il calice della vita

    volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con un vassoio di maiale affettato e PATATE al forno fredde"... come è possibile visto che il tubero fu importato dal sud america solo verso la meta del 1500, e che comparve in inghilterra, davanti alla regina ELISABETTA I nel 1580 ? grazie

  • il calice della vita

    volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con un vassoio di maiale affettato e PATATE al forno fredde"... come è possibile visto che il tubero fu importato dal sud america solo verso la meta del 1500, e che comparve in inghilterra, davanti alla regina ELISABETTA I nel 1580 ? grazie

  • il calice della vita

    volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con un vassoio di maiale affettato e PATATE al forno fredde"... come è possibile visto che il tubero fu importato dal sud america solo verso la meta del 1500, e che comparve in inghilterra, davanti alla regina ELISABETTA I nel 1580 ? grazie

  • il calice della vita

    volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con un vassoio di maiale affettato e PATATE al forno fredde"... come è possibile visto che il tubero fu importato dal sud america solo verso la meta del 1500, e che comparve in inghilterra, davanti alla regina ELISABETTA I nel 1580 ? grazie

  • il calice della vita

    volevo cortesemente far notare che a pag 156 cap.13, si parla di cibo offerto in inghilterra nel 1451, testualmente...."comparve con un vassoio di maiale affettato e PATATE al forno fredde"... come è possibile visto che il tubero fu importato dal sud america solo verso la meta del 1500, e che comparve in inghilterra, davanti alla regina ELISABETTA I nel 1580 ? grazie

  • Ciao Marco, ti vogli

    Ciao Marco, ti voglio eresimpre la mia gratitudine per aver creato questo sito cosi' utile ed efficace per avere chiarimenti. I giorni scorsi ho gia' inserito la mia esperienza nell' apposita sezione e ora vorrei chiedere se qualcuno in seguito a emorragia cerebrale ha avuto problemi di memoria, e se si, come li ha affrontati e risolti. Io dopo il coma mi sono ritrovato senza un passato. La mia memoria era completamente azzerata e tutt'ora ho ancora problemi di memorizzazione. A questo punto dopo 20 anni ho gia' messo una pietra sopra al mio passato (quello che e' perso e' perso… pero' vorrei sapere se c'e' qualcuno che sta vivendo la stessa mia situazione, e se si, in che modo la sta affrontando. Io ho gia' fatto terapie neuropsicologiche presso la clinica universitaria Borgo Roma (Verona) seguito dalla dottoressa Pampanin ma ora mi sembra di non riuscire piu' a migliorare ..Grazie a tutti per la condivisione delle vostre esperienzecarlo (pesaro)

  • recensione

    mi paice

  • recensione

    mi paice

  • recensione

    mi paice