Casa Editrice Nord - La misura della felicità

Narrativa generale

Narrativa generale

La misura della felicità

di Gabrielle Zevin
La misura della felicità
Come una bambina insegnò a un libraio ad amare i libri
titolo
La misura della felicità
ISBN
9788842923497
autore
Gabrielle Zevin
collana
Narrativa Nord
dettagli
320 pagine, libro - cartonato con sovraccoperta
La misura della felicità - Guarda il booktrailer
C'è un'insegna sopra il portico della libreria Island Books

NESSUN UOMO È UN'ISOLA;
OGNI LIBRO È UN MONDO


A. J. Fikry, il libraio che odiava i libri, sta per scoprire cosa significa…


«Un romanzo delizioso.»
Publishers Weekly

«Un concentrato di ottimismo e un inno all'amore per i libri e per la lettura.»
The Washington Post

«Un'avvincente avventura letteraria.»
La Repubblica


«Un inno all'amore nelle sue varie forme.»
L'Unità

«Una dichiarazione d'amore per i libri e per il mestiere di libraio, una favola che negli States ha venduto un milione di copie.»
Corriere della Sera


«Uno di quei 'libri sui libri' che sanno creare un'atmosfera nostalgica che colpisce nel segno il pubblico degli amanti della letteratura e del libro come oggetto di culto.»
Panorama


«Un inno all'amore, una celebrazione della vita e del potere terapeutico dei libri. Un romanzo che toglie il respiro.»
Donna Moderna




Dalla tragica morte della moglie, A.J. Fikry è diventato un uomo scontroso e irascibile, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (mentre quelli che non vende gli ricordano quanto il mondo stia cambiando in peggio) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di «abbassare i prezzi». Una sera, però, tutto cambia: rientrando in libreria, A.J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all’infanzia; ha in mano un biglietto, scritto dalla madre: Questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e spiazzando tutti i suoi conoscenti), A.J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l’esistenza. Perché Maya è animata da un’insaziabile curiosità e da un’attrazione istintiva per i libri – per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell’affascinante mosaico di parole che riempie le pagine – e, grazie a lei, A.J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio, trovando infine il coraggio di aprirsi a un nuovo, inatteso amore…

La misura della felicità è una dichiarazione d’amore per la vita e le sorprese che ci riserva, ma soprattutto per i libri e i lettori, perché, come ci insegna la storia di A.J. Fikry, condividere un libro è il modo migliore per aprire il nostro cuore e raccontare qualcosa di noi.